Wrap Up di Luglio

agosto 04, 2017 Laura Franchin 0 Comments


Buongiorno, lettori!
Sono molto felice delle mie letture di luglio, non solo perché sono state tutte piacevoli, ma anche perché durante lo scorso mese ho letto ben sei libri, che per me è un grandissimo traguardo.
Ora, però, vi lascio ai protagonisti di questo post. Come sempre, fatemi sapere se avete letto qualcuno di questi libri o vorreste farlo.


Absence. Il gioco dei quattro
di Chiara Panzuti

Il primo libro che ho finito a luglio è stato Absence. Il gioco dei quattro di Chiara PanzutiLo stile dell'autrice è talmente bello, poetico e spontaneo che le sue parole arrivano dritte al cuore del lettore e il modo in cui Chiara Panzuti parla dell'invisibilità e dell'altro grande tema di Absence, quello dell'identità, è in grado di destabilizzare chiunque legga questo romanzo.
Info e recensione: Qui.

Voto: 4.5/5


La fine della solitudine
di Benedict Wells

La fine della solitudine è un romanzo che, nel suo totale pessimismo, spesso lascia a bocca aperta e fa venire le lacrime agli occhi. È un romanzo che mi ha permesso di pormi delle domande. È un romanzo che parla non solo di solitudine, ma anche di amore, amicizia e unione.
Info e recensione: Qui.

Voto: 3.5/5


L'orologiaio di Filigree Street
di Natasha Pulley

Tra le letture di luglio, questo è il libro che mi ha delusa di più. Dalla trama, pensavo che fosse un romanzo molto più à la Sherlock Holmes e, nonostante i personaggi de L'orologiaio di Filigree Street ricalchino molto quelli di Conan Doyle, non sono riuscita ad affezionarmi a nessuno di loro.
Info e recensione: Qui.

Voto: 2.5/5


Beren e Lúthien
di J.R.R. Tolkien

Più che un romanzo, Beren e Lúthien è un insieme di racconti che sono stati assemblati dal figlio di Tolkien, Christopher, al fine di mostrare l'evoluzione che la storia di Beren e Lúthien ha subito nel corso degli anni nella mente e negli scritti di suo padre. Super consigliato per gli amanti de Il Silmarillion.
Info e recensione: Qui.

Voto: 4/5


Il libro dei Baltimore
di Joël Dicker

Il libro dei Baltimore è un’autentica perla, perché, nonostante sia molto diverso dall'altro libro super acclamato di Dicker, La verità sul caso Harry Quebert, è un romanzo capace di coinvolgere il proprio lettore fin dalle prime pagine. Leggetelo, perché merita ogni singola parola!
Info e recensione: Qui.

Voto: 5/5


Arrivederci tra le stelle
di Jack Cheng

L'ultimo libro che ho letto a luglio è Arrivederci tra le stelle, un romanzo molto breve, molto scorrevole e decisamente molto tenero. Nonostante mi abbia emotivamente coinvolto, però, mi sarebbe piaciuto che l'autore avesse approfondito maggiormente alcuni temi.
Info e recensione: Qui.

Voto: 3/5



0 commenti:

Arrivederci tra le stelle - Jack Cheng

luglio 29, 2017 Laura Franchin 0 Comments


Buona sera a tutti!
Finalmente sono nella mia bellissima Val Badia e, di conseguenza, nei prossimi giorni temo di non essere molto attiva qui sul blog (se volete seguirmi su Instagram, comunque, cercherò di tenervi il più aggiornati possibile circa le mie letture).
Arrivederci tra le stelle, uno dei libri che avevo inserito nella mia lista per la BookTubeAThon, credo che purtroppo determini la fine della mia partecipazione a questa sfida. A causa della preparazione delle valigie e di altri impegni vari, durante questa settimana, infatti, sono riuscita a leggere davvero pochissimo: oltre ad aver terminato questo romanzo, ho iniziato solamente Shadowhunters. Città di ossa. (Shame on me!)
Detto questo, vi lascio alla mia opinione sul romanzo di Jack Cheng.

TITOLO: ARRIVEDERCI TRA LE STELLE
AUTORE: Jack Cheng
CASA EDITRICE: Bompiani
PAGINE: 256
PREZZO DI COPERTINA: 15,00 €
EBOOK: 9,99 €
LINK PER L'ACQUISTOQui

SINOSSI
Alex Petroski ha undici anni, ama lo spazio e i razzi, sua madre, suo fratello Ronnie e il suo cane, Carl Sagan - chiamato così in onore dell'astronomo suo grande eroe. Alex ha costruito un razzo e desidera con tutte le forze lanciarlo per poter inviare nello spazio il suo Golden iPod, proprio come Carl Sagan (lo scienziato, non il cane) aveva fatto nel 1977 con il Golden Record: il disco d'oro che porta le voci e i suoni più belli del nostro pianeta agli alieni. Dal Colorado al New Mexico, da Las Vegas a Los Angeles, Alex registra tutto quello che gli accade lungo la strada per mostrare agli extraterrestri com'è la vita sulla Terra, la sua Terra. Ma la destinazione continua a cambiare. E i bizzari, scombinati personaggi che incontra lungo la strada possono prepararlo solo in parte ai segreti che sta per scoprire: dalla verità sul padre perduto molti anni prima al fatto che la sua famiglia è più grande di quanto crede.


RECENSIONE
Vi chiedo perdono: dovevo pubblicare questa recensione già qualche giorno fa, ma sono riuscita a mettermi al pc solo ora.
Gentilmente inviatomi dalla Bompiani, Arrivederci tra le stelle è un romanzo molto breve, molto scorrevole e decisamente molto tenero. Ciò che viene raccontato in questo libro, infatti, viene visto attraverso gli occhi di Alex - un bambino di undici anni, ma che in quanto a responsabilità ne dimostra almeno tredici, come tende spesso a specificare lui - e, talvolta, attraverso quelli di Terra, la sua Terra (non posso dirvi di chi si tratta, altrimenti vi spoilererei un passaggio fondamentale del libro).
Lo stile di scrittura che utilizza Jack Cheng è nuovo e particolare. Ogni capitolo, infatti, è scritto come se il bambino stesse davvero registrando alcune tracce da inviare nello spazio e il titolo di ognuno di essi indica il numero e la durata di ogni registrazione.
Il tema dello spazio e delle stelle non è, però, il tema principale. Durante il viaggio di Alex - che, oltre a essere un viaggio fisico attraverso l'America e il Messico, è anche un viaggio di formazione - vengono, infatti, toccate altre tematiche importanti, come quelle della schizzofrenia, dell'amicizia, della famiglia allargata, della fedeltà.
Ed è proprio il tema della famiglia il fulcro centrale della storia. In tutto ciò che accade nel corso delle pagine di Arrivederci tra le stelle è presente, come protagonista o come semplice comparsa, la famiglia Petroski, con i suoi pregi e i suoi difetti, in modo tale da portare il lettore a scoprire la Verità - concetto fondamentale in questo libro - che si cela dietro alle figure dei genitori di Alex.
Nonostante Arrivederci tra le stelle mi abbia emotivamente coinvolta, mi sarebbe piaciuto che Cheng avesse approfondito maggiormente il tema dello spazio. Inoltre, mi è sembrato che molte situazioni siano state trattate in modo troppo superficiale e rapido.


0 commenti:

Il libro dei Baltimore - Joël Dicker

luglio 25, 2017 Laura Franchin 0 Comments


Buongiorno, lettori!
Dopo aver letto La tigre (di cui trovate qui la recensione) e, soprattutto, La verità sul caso Harry Quebert (per la mia opinione, cliccate qui) non potevo non tuffarmi nell'ultimo romanzo di Joël Dicker, Il libro dei Baltimore. Marcus Goldman mi mancava troppo: come potevo lasciare ancora questo libro sulla mensola?

TITOLO: IL LIBRO DEI BALTIMORE
AUTOREJoël Dicker
CASA EDITRICE: La nave di Teseo
COLLANA: Oceani
PAGINE: 592
PREZZO DI COPERTINA: 22,00 €
EBOOK: 9,99 €
LINK PER L'ACQUISTOQui

SINOSSI
I Goldman di Montclair, New Jersey, sono una famiglia della classe media e abitano in un piccolo appartamento. I Goldman di Baltimore, invece, sono una famiglia ricca e vivono in una bellissima casa nel quartiere residenziale di Oak Park. A loro, alla loro prosperità, alla loro felicità, Marcus ha guardato con ammirazione sin da piccolo, quando lui e i suoi cugini, Hillel e Woody, amavano di uno stesso e intenso amore Alexandra. Otto anni dopo una misteriosa tragedia, Marcus decide di raccontare la storia della sua famiglia: torna con la memoria alla vita e al destino dei Goldman di Baltimore, alle vacanze in Florida e negli Hamptons, ai gloriosi anni di scuola. Ma c’è qualcosa, nella sua ricostruzione, che gli sfugge. Vede scorrere gli anni, scolorire la patina scintillante dei Baltimore, incrinarsi l’amicizia che sembrava eterna con Woody, Hillel e Alexandra. Fino al giorno della Tragedia. E da quel giorno Marcus è ossessionato da una domanda: cosa è veramente accaduto ai Goldman di Baltimore? Qual è il loro inconfessabile segreto?


RECENSIONE
Il libro dei Baltimore, ultima fatica letteraria di Joël Dicker, è un’autentica perla. Nonostante sia molto diverso dall'altro libro di Dicker super acclamato, La verità sul caso Harry Quebert, esso è un romanzo capace di coinvolgere il proprio lettore fin dalle prime pagine.
È un libro che parla di sogni, perché nella vita bisogna sognare – e sognare in grande! Perché solo i sogni più grandi sopravvivono e gli altri sono cancellati dalla pioggia e spazzati via dal vento.
È un libro che parla della vita e del dolore. Nella vita – dice, verso la fine, uno dei protagonisti del romanzo – «non esiste la Tragedia: ci sono alcune tragedie.». C’è «la tragedia della vita», nella quale il dolore è spesso presente. «Ci sono state» – viene spiegato nel libro – «delle tragedie. Ce ne saranno altre – e bisognerà vivere, nonostante tutto. Le tragedie sono inevitabili. In fondo, non hanno molta importanza. Ciò che conta è riuscire a superarle.».
Il libro dei Baltimore è un libro che parla di tradimenti, veri o presunti; di incomprensioni, più o meno profonde; di orgoglio, che a volte è senso della dignità e a volte diventa superbia e alterigia.
Ma, soprattutto, è un libro che parla di amore: «Molti di noi cercano di dare un senso alla propria vita, ma la nostra vita ha un senso solo se siamo capaci di raggiungere questi tre traguardi: amare, essere amati e saper perdonare. Il resto è soltanto tempo perso.».
È, infine, un libro sui libri: perché i libri sono più forti della vita: sono la più bella delle rivincite; sono i testimoni dell’inviolabile muraglia della nostra mente, dell’inespugnabile fortezza della nostra memoria.
Perché…

Grazie ai libri,
tutto è cancellato;
tutto è dimenticato.
Tutto è perdonato;
tutto è riparato.



0 commenti:

BookTubeAThon 2017

luglio 24, 2017 Laura Franchin 0 Comments


Buongiorno, bookscatchers!
Ebbene sì, grazie ad Arianna de Il filo di Arianna anche io ho "scoperto" la BookTubeAThon e, nonostante io non sia su youtube, ho deciso comunque di partecipare alla sfida. Lo so, può sembrare una cosa da pazzi, ma penso che sia un'iniziativa fantastica e che leggere in compagnia (anche se virtuale) sia stupendo.
Ma ora, passiamo alle regole della BookTubeAThon 2017!
La sfida durerà una settimana: da oggi, 24 luglio, a lunedì 30 luglio. Qualsiasi libro è ammesso (romanzo, graphic novel, fumetto, ...) e i libri da leggere sono sette. Chiaramente potete leggerne anche di meno, perché l'importante è, come dicevo prima, leggere in compagnia.
Io ho deciso che leggerò solo cinque libri, perché poi, partendo per la montagna, non avrò tantissimo tempo.
Ecco quali sono le caratteristiche dei libri che dovranno essere letti:

Challenge #1: Read a book with a person on the cover (Leggi un libro con una persona - o una parte di una persona: capelli, braccio, gambe, ... - sulla copertina)
Per questa categoria ho scelto il primo libro di una serie che vorrei leggere, ma che ho paura mi deluda: Shadowhunters. Città di ossa di Cassandra Claire.
Casa editrice: Mondadori
Pagine: 541
Prezzo: 13,00 €
Link per l'acquisto: qui


Challenge #: Read a hyped book (Leggi un libro super acclamato)
Come potevo non scegliere The Queen of the Tearling di Erika Johansen? Come ben saprete, ho già iniziato questo libro, ma dato che lo sto "abbandonando" spesso sopra al comodino, credo proprio che lo rileggerò dall'inizio.
Casa editrice: Multiplayer Edizioni
Pagine: 387
Prezzo: 19,00 €
Link per l'acquisto: qui



Challenge #3: Finish a book in one day (Finisci un libro in un giorno)
Bella sfida, questa! Dato che a giugno ho letto i primi due volumi de Le cronache di Narnia, proverò a leggere in un giorno Il cavallo e il ragazzo.
Casa editrice: Mondadori
Pagine: 210
Prezzo: 19,50 €
Link per l'acquisto: qui





Challenge #4: Read about a character that is very different from you (Leggi un libro il cui protagonista sia molto diverso da te)
È da tantissimo tempo che vorrei leggere Mille splendidi soli di Khaled Hosseini e penso che questa sia l'occasione giusta per riprendere in mano un libro dell'autore che mi ha fatto commuovere con Il cacciatore di aquiloni.
Casa editrice: Piemme
Pagine: 407
Prezzo: 11,90 €
Link per l'acquisto: qui


Challenge #5: Finish a book completely outdoors (Finisci un libro che dovrai leggere solamente fuori casa)
Per questa categoria, ho deciso di scegliere la mia new entry firmata Bompiani, Arrivederci tra le stelle di Jack Cheng.
Casa editrice: Bompiani
Pagine: 256
Prezzo: 15,00 €
Link per l'acquisto: qui




Le altre due challenge sono:
Challenge #6: Read a book you got bacause of the cover (Leggi un libro che hai comprato per la copertina)
Challenge #7: Read seven books (Leggi sette libri)

Fatemi sapere se anche voi parteciperete alla BookTubeAThon! Di seguito vi lascio i link ai video di Arianna e della creatrice della sfida.

Il filo di Arianna: Video
BookTubeAThon: Video


0 commenti:

[Hey, what's up?] Novità Fanucci Editore & TimeCrime

luglio 21, 2017 Laura Franchin 2 Comments


Buongiorno, lettori!
Finalmente è venerdì (o TGIF, come direbbe Katy Perry) e io sto già facendo il conto alla rovescia dei giorni che mancano per andare in vacanza.
Oggi vi propongo un'altra puntata di Hey, what's up?, perché ultimamente di novità ce ne sono davvero tante. Spero che questi libri vi "intrippino"! Fatemi sapere se li comprerete.

TITOLO: THE RED KNIGHT. IL CAVALIERE ROSSO
AUTORE: Miles Cameron
CASA EDITRICE: Fanucci Editore
PREZZO DI COPERTINA: 25,00 €
IN LIBRERIA DAL: 27 luglio 2017
EBOOK: 4,99 € (già disponibile)
LINK PER L'ACQUISTO: Qui

SINOSSI
Si sa che ventotto fiorini al mese sono un grosso prezzo da pagare per assoldare un uomo che ti difenda dalle creature selvagge. La stessa cifra, però, non è lontanamente sufficiente se la creatura da cui bisogna proteggersi è una feroce viverna, un mostro alato le cui fauci sono il terrore di ogni cavaliere. Lottare contro questi esseri non è una sfida adatta a tutti. Servono un lungo allenamento, l’età giusta e una buona dose di fortuna. Il Cavaliere Rosso possiede tutti questi requisiti: è giovane e desideroso di trarre fama e profitto da eroiche avventure. Per questo, quando lui e la sua compagnia vengono assoldati dalla Madre badessa per difendere un monastero minacciato da una spietata creatura alata, non si lascia sfuggire l’occasione. Il monastero è un luogo ricco e la missione non sembra, tutto sommato, inaffrontabile. Ben presto, però, il Cavaliere Rosso si renderà conto di aver condotto i suoi uomini in un’avventura non meno pericolosa e sanguinaria di una guerra...


❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧ 
TITOLO: EVERMEN. IL SENTIERO DELLA TEMPESTA
AUTORE: James Maxwell
CASA EDITRICE: Fanucci Editore
PREZZO DI COPERTINA: 14,90 €
EBOOK: 4,99 €
LINK PER L'ACQUISTO: Qui

SINOSSI
La guerra è ormai terminata da due anni ma l’economia dell’Impero è al collasso. Le vie commerciali, un tempo fiorenti, sono deserte, e la carestia avanza pericolosamente. Il popolo, stremato dalla mancanza di cibo e beni di prima necessità, non ha altra scelta che ribellarsi. Nel mezzo di questa crescente inquietudine, Miro è combattuto tra la ricerca di una vita tranquilla con Amber e il dovere di proteggere l’Impero da eventuali minacce. Sua sorella Ella, impegnata nella realizzazione di macchinari da guerra di cui l’Impero ha disperatamente bisogno, sa che la vittoria finale potrà essere raggiunta solo contando sulla forza di Killian, i cui poteri sono considerati indispensabili in vista del conflitto che verrà. La notizia di un’imminente riconciliazione è un raggio di speranza in una fitta coltre di paura e violenza. Ma la felicità ha le ore contate: durante i festeggiamenti, il concretizzarsi della più pericolosa delle minacce manda in frantumi la fragile pace. Uno degli Evermen è tornato. E non si fermerà fino a quando non avrà distrutto l’umanità che tanto disprezza.


❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧ 
TITOLO: FALSA IDENTITÀ
AUTRICE: Lisa Scottoline
CASA EDITRICETimeCrime
PREZZO DI COPERTINA: 14,90 €
IN LIBRERIA DAL: 27 luglio 2017
EBOOK: 4,99 € (già disponibile)
LINK PER L'ACQUISTO: Qui

SINOSSI
A Central Valley la vita scorre lenta e serena come al solito, o almeno questo è ciò che sembra. Paul, Mindy e Evan Kostis sono appena tornati dalla vacanza alle Cayman, Susan Sematov, dopo la morte del marito, continua a prendersi cura di Raz e Ryan, e Heather Larkin dedica ogni sua attenzione all’amato figlio Jordan... Niente, insomma, sembra destabilizzare la tranquilla quotidianità degli abitanti della
piccola città, finché l’arrivo di un nuovo insegnante, Chris Brennan, non sconvolge completamente le loro esistenze. Sulla carta Chris sembra essere impeccabile, le sue referenze sono ottime, ma ogni cosa che lo riguarda non è che una colossale bugia e i suoi progetti sono tutt’altro che buoni. A farne le spese saranno soprattutto Jordan, Evan e Raz, su cui il nuovo professore punta fin dall’inizio per portare a termine il proprio piano. Quando però la sua falsa identità verrà rivelata, le vite dei tre ragazzi e delle loro famiglie non saranno più come prima... Perché quell’uomo è a Central Valley? E quali sono le sue vere intenzioni?

2 commenti:

Beren e Lúthien - J.R.R. Tolkien

luglio 20, 2017 Laura Franchin 0 Comments


Buongiorno, lettori!
Grazie alla Bompiani, sono riuscita a leggere questo gioiellino, l'ultimo libro di Tolkien, curato da suo figlio Christopher. Anche se una recensione non sarebbe necessaria (perché Tolkien è una certezza assoluta), ecco a voi la mia opinione su Beren e Lúthien.

TITOLO: BEREN E LÚTHIEN
AUTORE: J.R.R. Tolkien
A CURA DI: Christopher Tolkien
CASA EDITRICE: Bompiani
COLLANA: Letteraria straniera
PAGINE: 294
PREZZO DI COPERTINA: 22,00 €
EBOOK: 12,99 €
LINK PER L'ACQUISTOQui

SINOSSI
Lui mortale, lei immortale, divisi dalla razza, uniti dalla passione e dalla tenacia: il padre di Lúthien si rifiutò di concedere a Beren la mano della figlia, ma ben sapeva di non poter contrastare per sempre i due innamorati. Così sfidò l'umano a portargli uno dei Silmaril della Corona di Morgoth, promettendogli in cambio la sua benedizione. Una missione impossibile che invece riuscì. Beren, ferito a morte, fu poi salvato in extremis, e Lúthien rinunciò all'immortalità per essere sua pari. In questo volume Christopher Tolkien ha cercato di estrapolare la storia di Beren e Lúthien dal contesto più ampio in cui era contenuta; ma il racconto ha subito cambiamenti e si è evoluto man mano che l'orizzonte della Terra di Mezzo si è allargato. Per mostrare la vitalità di questo nucleo narrativo il curatore ha scelto di raccontarla attraverso le parole di suo padre prima nella sua forma originale e poi in passaggi di prosa e di poesia appartenenti a testi posteriori: qui insieme per la prima volta, tutti contribuiscono a rivelarne l'immediatezza.


RECENSIONE
Se devo essere sincera, è abbastanza difficile scrivere la mia opinione su questo libro, perché esso non è un romanzo, ma un insieme di racconti, che sono stati assemblati da Christopher Tolkien al fine di mostrare l'evoluzione che la storia di Beren e Lúthien ha subito nel corso degli anni nella mente e negli scritti di Tolkien. 
Beren e Lúthien è davvero un libro molto interessante, non solo per la storia del primo elfo che diventa mortale per amore, ma anche per tutti i commenti che il figlio di J.R.R. Tolkien scrive su di essa, sui personaggi e sulle difficoltà che il creatore di questo fantastico mondo ha riscontrato anche nel tentativo di pubblicare questa leggenda. Inoltre, i testi o le parti di testo che vengono presentate in Beren e Lúthien sono sia in prosa che in versi: stupendo!
Ho adorato anche la leggenda secondaria della nascita dell'odio tra cani e gatti: nella sua semplicità, secondo me, riesce a catturare il lettore e a farlo sorridere.
In questo libro ritroviamo i personaggi che avevamo incontrato ne Il Silmarillion ed è stato fantastico riscoprire la genealogia degli elfi presenti anche ne Il Signore degli Anelli, come Elrond o Galadriel. Dagli antefatti e dai nomi dei posteri di Beren e Lúthien, si scopre anche che, molto alla lontana, perfino Aragorn e Arwen sono imparentati (ovviamente, sono cugini di xx grado)! 
Inoltre, le illustrazioni di Alan Lee danno quel qualcosa in più ai libri di Tolkien che mi fa innamorare di essi ogni volta, sempre di più. Ve ne lascio una qui accanto: obiettivamente, quanto sono belle? Alan, ti prego, disegna più spesso e per più libri!
Lo so, è una recensione brevissima, ma posso solo aggiungere che, anche se costa un po', secondo me, vale la pena di leggerlo. A maggior ragione, per la lettera che Tolkien - sulla cui tomba ha inciso il nome Beren - ha scritto dopo la morte di sua moglie Edith - la cui lapide riporta Lúthien - e che vi lascio di seguito:

Non ho mai chiamato Edith Lúthien – ma era lei l'ispiratrice della storia che poi è diventata la parte principale del Silmarillion. È stata concepita per la prima volta in una piccola radura piena di cicuta a Roos nello Yorkshire (dove per qualche tempo fui comandato in una base della Guarnigione Humber nel 1917, e lei riuscì a venire a stare con me per un po'.) In quei giorni i suoi capelli erano corvini, la sua pelle chiara, gli occhi più brillanti di quanto voi li abbiate mai visti, e sapeva cantare e ballare. Ma la storia e finita male, e io sono stato abbandonato e non posso invocare l’inesorabile Mandos. (Lettera 340, 1972)

0 commenti:

www Wednesday: 19 luglio 2017

luglio 19, 2017 Laura Franchin 0 Comments


Buongiorno, lettori!
Anche questo mercoledì, ecco a voi il mio www Wednesday. Come vi ho già detto, sono davvero felicissima perché - con la fine dell'università - sto leggendo davvero tanto. Fatemi sapere anche le vostre letture nei commenti o lasciatemi il link al vostro www Wednesday!


What did you just finish reading? (Cos'hai appena finito di leggere?)

Finalmente sono riuscita a leggere L'orologiaio di Filigree Street,
un romanzo che la Bompiani mi aveva inviato da un po' di tempo,
ma che non ero mai riuscita ad aprire. Sinceramente, mi aspettavo
molto di più da questo libro. Trovate la recensione completa qui.


In più, ho terminato anche Beren e Lúthien di Tolkien, che,
come il precedente libro, mi è stato inviato dalla Bompiani.
La recensione arriverà molto presto (o oggi pomeriggio
o domani mattina), quindi #staytuned!


What are you currently reading? (Cosa stai leggendo in questo momento?)

Appena terminato Beren e Lúthien, ho ricominciato a leggere
Il libro dei Baltimore di Joël Dicker, che è un bel malloppino
ma che spero di riuscire a terminare presto.


What do you think you'll read next? (Che cosa pensi di leggere dopo?)

Penso che poi riprenderò in mano The Queen of the Tearling,
la cui lettura sta andando molto, molto a rilento.
Come libro mi sta piacendo, ma è un po' troppo lento,
quindi ho bisogno di tempo. Spero, comunque, di finirlo
entro fine luglio, in modo tale da non doverlo portare in vacanza.

0 commenti:

L'orologiaio di Filigree Street - Natasha Pulley

luglio 15, 2017 Laura Franchin 0 Comments


Salve a tutti, bookscatchers!
Sono stra felice di riuscire a pubblicare un'altra recensione in così poco tempo. In questo periodo sto leggendo davvero tanto e sono euforica. Perché non posso leggere 24 ore su 24, 7 giorni su 7?
Ora, però, veniamo a noi e parliamo de L'orologiaio di Filigree Street di Natasha Pulley.



TITOLO: L'OROLOGIAIO DI FILIGREE STREET
AUTRICE: Natasha Pulley
CASA EDITRICE: Bompiani
COLLANA: Letteraria straniera
PAGINE: 384
PREZZO DI COPERTINA: 19,00 €
EBOOK: 9,99 €
LINK PER L'ACQUISTOQui

SINOSSI
Londra, 1883. Thaniel Steepleton, giovane, modesto telegrafista al ministero dell'Interno, una sera trova un dono anonimo sul cuscino del suo letto: un orologio d'oroÈ proprio l'orologio, strillando, a salvarlo dall'esplosione di un ordigno che devasta un pub. Thaniel si trasforma in investigatore antiterrorismo e rintraccia l'artigiano che ha creato il prodigioso manufatto: si chiama Keita Mori, viene dal Giappone e nel suo laboratorio in una stradina di vecchie case a Knightsbridge prendono vita straordinari esseri meccanici, prodigi luminosi, uccelli di bronzo, un polpo rubacalzini. L'incontro con Mori - e quello con Grace Carrow, brillante studentessa di fisica che cerca di combattere i pregiudizi per diventare scienziata e scoprire la verità sull'etere luminifero - cambierà la vita di Thaniel.


RECENSIONE
Ho preso molti appunti su L'orologiaio di Filigree Street, perché è un libro che mi ha lasciato molte perplessità. Sinceramente, dalla trama, pensavo che fosse un romanzo molto più à la Sherlock Holmes, in cui i protagonisti dovessero risolvere il "mistero" dell'orologio e della bomba; in realtà, invece, si parla degli attentati solo per il 40% del libro.
I personaggi riprendono molto quelli dei romanzi di Conan Doyle - il genio (Sherlock - Mori), l'assistente (Watson - Thaniel) e l'alter ego (Moriarty - Grace) - ed è molto bello che a ognuno di essi sia attribuita una passione specifica: a Thaniel la musica, a Mori i congegni meccanici e a Grace la scienza. Purtroppo, però, non sono riuscita ad affezionarmi a nessuno di essi.
L'orologiaio di Filigree Street è un romanzo lento e molto riflessivo, in cui sostanzialmente accade poco. Ciò che è messo in evidenza nelle pagine del romanzo della Pulley sono le diverse storie dei tre protagonisti, che si intrecciano.
Non mi ha fatto impazzire lo sviluppo del rapporto tra Mori e Thaniel: è carino, ma credo che in questo libro un risvolto del genere non fosse necessario. Inoltre, mi è dispiaciuto che la storia di Grace sia stata messa in sordina per dare maggior importanza agli altri due protagonisti.
Anche il modo in cui la scienza viene fatta combaciare con le previsioni nel tempo mi ha lasciata un po' perplessa. O meglio, mi ha lasciata perplessa il fatto che nessuno si stupisca che Mori sappia prevedere il futuro! Come può non stupire? Lascerebbe a bocca aperta noi, che viviamo nel XXI secolo... figuriamoci una persona che vive nell'Ottocento!
Tranquilli, però, non è una recensione completamente negativa. Il linguaggio che viene usato, soprattutto nei punti in cui rasenta la poesia, infatti, mi è piaciuto tantissimo e anche il fatto che in molte occasioni Natasha Pulley si sia basata sui sensi della vista (sono spesso citati i colori) e dell'udito (quando si parla di musica) mi ha affascinata.
Basti citare solo un esempio.
"L'oro (dell'orologio) rifletteva la luce delle braci e splendeva del colore di una voce umana".
Pura poesia.
Concludo dicendo che sicuramente mi sarei aspettata molto di più da L'orologiaio di Filigree Street e che voglio anche io un polpo meccanico come Katsu!


0 commenti:

[Hey, what's up?] Novità Editrice Nord

luglio 14, 2017 Laura Franchin 0 Comments


Buongiorno, lettori!
Anche oggi vi segnalo alcune nuove uscite, stavolta firmate Editrice Nord. Come sempre, fatemi sapere se avete intenzione di leggere qualcuno di questi libri.
Ne approfitto anche per ricordarvi, se ve la siete persa, che sul blog trovate la recensione de Il segno della croce di Glenn Cooper - l'ultimo libro che trovate in questo post - cliccando qui.

TITOLO: LA FIDANZATA
AUTRICE: Michelle Frances
CASA EDITRICE: Editrice Nord
PAGINE: 443
PREZZO DI COPERTINA: 16,90 €
EBOOK: 9,99 €
LINK PER L'ACQUISTOQui

SINOSSI
Laura sa di essere una madre iperprotettiva e – in fondo – gelosa di suo figlio Daniel, un brillante neolaureato dal futuro luminoso. Così, quando Daniel le presenta la sua nuova fidanzata, Cherry, lei si impone di essere gentile e addirittura invita la ragazza per qualche giorno di vacanza nella villa di famiglia a Saint Tropez. Ma tutti i suoi buoni propositi vanno in frantumi quando Laura scopre che Cherry si fa riempire di regali e, soprattutto, ha mentito a Daniel riguardo alla sua vita e al suo lavoro. E poi c’è sempre quella sgradevolissima sensazione che Cherry nasconda un lato oscuro e che stia tramando per metterla in cattiva luce col figlio. No, Laura non può rimanere a guardare mentre una spregiudicata arrampicatrice sociale vuole rubargli Daniel. Deve agire. Ma sta per commettere un errore imperdonabile… Cherry odia la sua vita. E adesso, finalmente, ha la possibilità di riscattare tutte le umiliazioni subite in passato grazie all’amore di Daniel. Un ragazzo ricco, bello, generoso. Peccato che fra lei e la felicità ci sia ancora un ultimo ostacolo: l’invadente, onnipresente Laura. Cherry è convinta che, dietro un’apparenza di sorrisi e buone maniere, Laura la disprezzi e sia disposta a tutto pur di tenerla lontana da Daniel. E allora l’unica soluzione è screditarla, farla apparire come una madre paranoica e pericolosa agli occhi del suo stesso figlio. Sì, sarà proprio Daniel l’alleato più prezioso per rendere l’esistenza di Laura un inferno. E per conquistarsi così la vita da favola che lei ha sempre sognato…


❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧ 
TITOLO: SEI TUTTO PER ME
AUTRICE: Jennifer L. Armentrout
CASA EDITRICE: Editrice Nord
PAGINE: 374
PREZZO DI COPERTINA: 16,40 €
EBOOK: 7,99 €
LINK PER L'ACQUISTOQui

SINOSSI
Ci sono volute poche ore perché il mondo di Jillian Lima andasse in frantumi, e sei lunghi anni prima che lei trovasse il coraggio di tornare a casa per gestire la palestra del padre. Jillian si era aspettata molte difficoltà, ma mai avrebbe pensato che l'ostacolo maggiore sarebbe stato dover convivere con Brock, il ragazzo cui aveva confessato il suo amore, per ottenere in cambio un secco rifiuto. Brock Mitchell ha fatto molta strada da quand'era un teppista di quartiere. Grazie all'aiuto del padre di Jillian, è diventato un campione di boxe, nonché lo scapolo più ricercato della città. E gli basta uno sguardo per capire che Jillian non è più la ragazzina insicura che aveva respinto: è diventata la donna dei suoi sogni, l'unica che lo faccia sentire completo. E, ogni volta che è con lui, Jillian ha l'impressione che ogni difficoltà scompaia e che in lei rinasca il seme della speranza. Tuttavia, non appena il passato bussa alla sua porta, Jillian capisce che è venuto il momento di affrontare i suoi demoni. Ma la relazione con Brock le darà la sicurezza necessaria per chiudere i conti una volta per tutte o sarà il tallone d'Achille che la distruggerà?


❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧ 
TITOLO: IL SEGNO DELLA CROCE (Nuova edizione)
AUTORE: Glenn Cooper
CASA EDITRICE: Editrice Nord
PAGINE: 406
PREZZO DI COPERTINA: 14,90 €
EBOOK: 7,99 €
LINK PER L'ACQUISTOQui

SINOSSI
Intorno a loro, si apre l'infinito deserto di ghiaccio e vento dell'Antartide. Dopo ore di faticoso cammino, il gruppo di uomini raggiunge il punto segnato sulla mappa. E lo individuano: l'ingresso di una caverna scavata decenni prima da chi li ha preceduti in quel continente disabitato. Quando entrano, in religioso silenzio, si trovano davanti un museo ideato per conservare reperti che il mondo crede perduti per sempre. Ma quegli uomini sono arrivati lì per due oggetti soltanto. E adesso li stringono tra le mani. Ne manca ancora uno, poi l'alba di una nuova era sorgerà sul mondo. In un piccolo paese dell'Abruzzo, un giovane sacerdote si alza dal letto. Il dolore è lancinante. La fasciatura intorno ai polsi è intrisa di sangue. Con cautela, il prete scioglie le bende. Le sue suppliche non sono state esaudite, le piaghe sono ancora aperte. Il sacerdote chiude gli occhi e inizia a pregare. Prega che gli sia risparmiata quella sofferenza. Che gli sia data la forza di superare quella prova. E che nessuno venga mai a conoscenza del suo segreto. Una ricerca iniziata quasi 2000 anni fa e giunta solo oggi a compimento. Un'ossessione sopravvissuta alla guerra che segnerà Il destino di tutti noi. Una storia la cui parola «fine» sarà scritta col sangue... Questo romanzo è un invito. Un invito a vivere un'avventura appassionante, ricca di mistero e svolte inaspettate. Ma anche un invito a esplorare l'indistinta linea di confine che separa Storia, religione e scienza, un territorio ambiguo e affascinante che Glenn Cooper ci ha fatto conoscere - e amare - fin dai tempi del suo esordio narrativo, "La biblioteca dei morti".

0 commenti:

www Wednesday: 12 luglio 2017

luglio 12, 2017 Laura Franchin 0 Comments


Buongiorno, bookscatchers!
Bentornati in una nuova puntata del www Wednesday! In queste settimane sto cercando di smaltire tutti i libri che ho accumulato, mese dopo mese, sul comodino e devo dire di essere abbastanza soddisfatta del "lavoro" che sto facendo. Ora, però, bando alle ciance e vediamo insieme le mie letture.
Come sempre, scrivetemi nei commenti le vostre! 


What did you just finish reading? (Cos'hai appena finito di leggere?)

Il primo libro che ho terminato questa settimana
è Absence. Il gioco dei quattro di Chiara Panzuti.
Se ve la siete persi, qui vi lascio il link alla recensione.


Inoltre, ho letto anche La fine della solitudine
di Benedict Wells, un autore tedesco super acclamato
in Germania. Anche di questo, trovate qui la mia opinione.


What are you currently reading? (Cosa stai leggendo in questo momento?)

Al momento sto leggendo L'orologiaio di Filigree Street,
un libro che avevo adocchiato a Tempo di Libri e
che mi è stato gentilmente inviato dalla Bompiani.
Spero di riuscire a darvi la mia opinione molto presto!


What do you think you'll read next? (Che cosa pensi di leggere dopo?)

Uno dei prossimi libri che leggerò sarà sicuramente
Beren e Lúthien, anch'esso inviatomi dalla Bompiani.
Ho aspettative molto alte per questo libro,
ma so che non mi deluderà: Tolkien è una garanzia.

0 commenti:

[Hey, what's up?] Novità Fazi Editore pt.2

luglio 11, 2017 Laura Franchin 0 Comments


Buonasera, lettori!
Come anticipato nel precedente post, ecco a voi la seconda parte delle novità di Fazi Editore! Acquisterete qualcuno di questi libri?

TITOLO: DENTE PER DENTE
AUTORE: Francesco Muzzopappa
CASA EDITRICE: Fazi Editore
COLLANA: Le meraviglie
PAGINE: 218
PREZZO DI COPERTINA: 15,00 €
EBOOK: 7,99 €
LINK PER L'ACQUISTOQui

SINOSSI
Se Roma ha la GNAM (Galleria Nazionale d’Arte Moderna), Bologna il MAMBO (Museo d’Arte Moderna BOlogna) e a Napoli c’è il MADRE (Museo d’Arte contemporanea DonnaREgina), a Varese hanno pensato bene di inaugurare il Mu.CO (Museo d’arte COntemporanea). Qui, a detta dei critici, sono esposte le peggiori opere dei più grandi artisti contemporanei. Tra le altre, un orribile Warhol, un Dalí terrificante, due drammatici Magritte e un Duchamp inguardabile. Leonardo ci lavora da tre anni. È un’assunzione obbligatoria: ha perso due dita in un incidente e insieme alle dita anche i sogni. Ha solo una grande certezza: si chiama Andrea, una ragazza molto cattolica, osservante e praticante, che rispetta alla lettera i dieci comandamenti, non dice parolacce e, soprattutto, non fa sesso. Non fa sesso con lui, però, perché Leonardo, sul punto di farle la sua proposta di matrimonio a sorpresa, la scopre a letto con un altro. Da quel momento, la sua vita va in pezzi. Alla disperazione più nera, tuttavia, segue la vendetta. Leonardo decide di rifarsi su Andrea e sui suoi preziosi comandamenti. Li infrange tutti, sistematicamente, uno dopo l’altro. Con un’ironia corrosiva e una storia scandita da scene esilaranti, Muzzopappa torna a dare il meglio di sé in un’inusuale commedia nera, protagonista un tenero quanto agguerrito ragazzo innamorato.


❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧ 
TITOLO: STORIE DI MATTI
AUTRICE: Arianna Porcelli Safonov
CASA EDITRICE: Fazi Editore
COLLANA: Le meraviglie
PAGINE: 192
PREZZO DI COPERTINA: 16,00 €
IN LIBRERIA DAL: 13 luglio 2017
LINK PER L'ACQUISTOQui

SINOSSI
Che ci capiti o no di vederli, i matti sono tra noi. Per strada, alle poste, ai matrimoni. Sono moltissimi e forse più pericolosi di quelli di una volta rinchiusi in manicomio: hanno solo cambiato i connotati.
I matti della porta accanto sono un movimento sempre più evidente e distruttivo. Quelli malati di socialità sono a briglia sciolta all’apericena o in fila dal nutrizionista. La loro versione 2.0 è composta per la maggior parte da persone dichiarate normali, pregevoli, da conoscere, imitare o invitare alle feste. Ma la cosa che più ghiaccia il sangue è la loro evoluzione. I matti odierni non solo si sono inseriti nel tessuto sociale come se niente fosse, ma sono riusciti a piazzarsi ai piani alti dei grattacieli o dei governi. Oppure sono in vestaglia ad annaffiare i cespugli di bosso nel nostro pianerottolo ogni mattina alla stessa ora, sono in fila con noi al supermercato, pronti a linciarci se chiediamo di passare avanti perché abbiamo solo il detersivo da pagare. O, ancora, sono nel nostro letto da vent’anni. I nuovi pazzi sono i nostri sindaci, i nostri tabaccai, nostra moglie, nostro marito, il nostro amministratore delegato, l’amica di nostra figlia o semplicemente il tipo che ci siede accanto in treno. Ci attirano nella loro inquietante rete appiccicosa facendoci accettare tutto il marcio e malato come vero, assodato, chic o quantomeno normale. E così: a ogni città il suo matto come in questo spassosissimo, folle, pirotecnico e ferocissimo libro, scatenato ritratto di gruppo dall’autrice di Fottuta campagna.


❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧ 
TITOLO: EISENBERG
AUTORE: Andreas Förh
CASA EDITRICE: Fazi Editore
COLLANA: Darkside
PAGINE: 448
PREZZO DI COPERTINA: 16,00 €
EBOOK: 6,99 €
LINK PER L'ACQUISTOQui

SINOSSI
Johanna Mend, giovane studentessa, viene assassinata e orribilmente mutilata in un parco di Monaco. Tanto le indagini della polizia quanto il referto del medico legale convergono sullo stesso sospettato: un uomo di mezza età senza fissa dimora, che Rachel Eisenberg – avvocato di grido e madre di una figlia adolescente – accetta di difendere nonostante l’iniziale riluttanza. Ma quando si trova seduta davanti al suo cliente, Rachel resta allibita. Quell’uomo lo conosce bene: è il professor Heiko Gerlach, astro della fisica teorica con cui ha avuto una relazione diciotto anni prima. Come è finito sulla strada? Ma soprattutto: è davvero uno psicopatico omicida? Si riapre così, in modo traumatico, un capitolo che Rachel pensava chiuso per sempre. A complicare ulteriormente la situazione, Heiko si rivelerà un cliente inaffidabile, un uomo che ha fatto dell’introversione il proprio baluardo e che, sempre di più, tornerà a mostrare quel lato oscuro che sin dai tempi della loro relazione l’aveva inquietata. Per fare chiarezza Rachel è disposta a tutto: anche a mettere in pericolo la sua stessa vita…
Föhr si destreggia con l’abilità di un equilibrista fra thriller giudiziario e psicologico, tenendo in bilico anche il lettore fino all’ultima, sconvolgente pagina, in un romanzo dalla trama fittissima, ricca di colpi di scena, battute fulminanti e scene da cardiopalma. Un giallo imperdibile che in Germania ha avuto un successo clamoroso, giungendo ai vertici delle classifiche e conquistando centinaia di migliaia di lettori.



❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧ 
TITOLO: GIARDINI
AUTORE: Robert Pogue Harrison
CASA EDITRICE: Fazi Editore
COLLANA: Campo dei fiori
PAGINE: 254
PREZZO DI COPERTINA: 20,00 €
EBOOK: 9,99 €
LINK PER L'ACQUISTOQui

SINOSSI
Cos’è che risveglia nel genere umano l’anelito alla ricreazione del Paradiso perduto?
Capolavoro inimitabile, imitazione improbabile; eppure ogni neonato giardino del mondo rinnova la sfida impossibile, tentando di riprodurre quell’impronta divina. Questa è la riscoperta d’una domanda perduta e ritrovata da Robert Pogue Harrison, che risponde, aprendo per noi i giardini delle meraviglie, ovvero la rassegna delle imitazioni, come farebbe un mago comparativista.
In questo “romanzo dei giardini” l’Eden è il protagonista, anche zoologico; segue l’Academos platonica, poi il giardino “privato” di Epicuro dove si coltiva “l’in sé e per sé”. La lunga sequenza ci conduce fino a Versailles, e forse a Bomarzo; e ad altre mete della mente girovaga, come i campus universitari contemporanei, cosiddetti vivai d’intelligenza. L’autore è un “coltivato giardiniere” di piante mentali, che ci porta in giro a bordo della sua scrittura, sorprendente come un ottovolante, di giardino in giardino.
Dove i cancelli della superstizione sbarrano l’accesso ai giardini sapienti, l’autore ermeneuta, corredato degli strumenti del fabbro, li apre con le ingegnose chiavi del giardinaggio filosofico. Inevitabile che i giardini evochino il ricordo del Paradiso perduto, ma allo svelamento del segreto si contrappone la censura del verde ombreggiato dalla controra.
Nei luoghi dell’architettura botanica si vive in uno spazio senza tempo, quasi eterno: questo è l’ovvio segreto che ci rivelano le piante, mentre tutti cercano il non tempo che non c’è, trovando solo l’eternità indifferente della natura.
Incanta l’esempio della poetessa che immagina che il frutto mangiato da Eva sia stata una melagrana, e i semi contenuti nel frutto proibito la renderebbero, oltre che nostra progenitrice, anche madre della flora tutta.
In quest’opera originale la botanica diventa la livrea allegorica delle filosofie e delle branche scientifiche: ultima meta vincente del libro.

0 commenti: